ALZHEIMER E DINTORNI

L'Alzheimer è la forma di demenza più frequente ma non l'unica. A partire da una valutazione delle abilità residue è possibile impostare delle sessioni di stimolazione cognitiva individuali o di gruppo, al fine di mantenere o migliorare il profilo cognitivo, ridurre i disturbi comportamentali e incrementare l'autostima dell'anziano affetto da decadimento. Queste patologie non investono solo il singolo ma coinvolgono tutta la famiglia, con un carico di assistenza fisica e psicologica molto pesante per i caregivers. Di qui l'importanza di sostenerli psicologicamente e orientarli nelle strategie di gestione dei disturbi comportamentali individualmente o in gruppo. Gli approcci che utilizzo sono diversi: gentlecare, capacitante, validation, montessoriano, terapia della bambola. Se necessario, osservo l'anziano al proprio domicilio per individuare con il familiare strategie di problem solving.

Brescia.VG_F_702m.jpg